FRANCESCA

Vivere sano rispettando la natura e’ il regalo più grande che ti puoi fare giorno dopo giorno. Con questo pensiero, Francesca ha ideato ‘Mimina’ che nasce per offrire Granola, biologica, vegana, artigianale, cotta in forno a legna. La ditta nasce dal desiderio di riassaporare le radici familiari, il contatto con la natura e la vita sana che contempla spesso il lavoro manuale e una corretta alimentazione. Dopo una vita intera trascorsa all’estero in città cosmopolite, Francesca decide di abbandonare il suo lavoro, tornare in Italia ed avvicinarsi a Santa Sofia, contro degli affetti famigliari. Il piccolo paese, tra le dolci colline romagnole, diventa così il luogo d’ispirazione per un nuovo inizio e quindi la culla di ‘Mimina’.

Appassionata di arte e di viaggi Francesca ama collezionare oggetti antichi e riscoprire tradizioni culinarie del passato assemblando i diversi sapori e profumi che le compongono. Essendo nata e cresciuta in Germania ed avendo trascorso l’adolescenza in Asia, i suoi gusti estetici e culinari sono stati influenzati dalle diverse culture a cui e’ stata esposta. Il suo percorso di studi, che si conclude con un master in Arte Asiatica e la pubblicazione di una ricerca correlata alle ceramiche chinoiserie blu e bianche, l’ha portata a lavorare da Christie’s a Londra. Il fulcro del lavoro in questa casa d’asta e’ la valutazione di oggetti antichi, strettamente collegata ad un rapporto di fiducia con il cliente; questa esperienza e’ stata per Francesca una lezione di vita importante. Le ceramiche chinoiserie blu e bianche legate all’arte asiatica sono tutt’ora oggetti artistici che Francesca ama molto in quanto ricchi di un passato complesso e anch’essi frutto di fusione di diverse influenze culturali.


‘Mimina’, ovvero ‘la mia piccola’ porta omaggio a suo nonno, un vero amante del vivere sano nel rispetto della natura. Da suo nonno ha imparato che ogni dettaglio è importante in cucina per rendere il piatto non solo più bello ma anche più buono. Gilberto viveva per le cose semplici e per i rapporti veri, cosa che anche Francesca ha ritrovato al suo rientro a Santa Sofia.